Tecnologia e Scienza: appello per aumentare la presenza femminile

tecnologia scienza

Si parla spesso di quote rosa e a volte in termini sbagliati. La partecipazione alla vita pubblica, la carriera non prescindono dalla competenza. Negli ultimi anni si sono affacciate alla politica molte donne che, se capaci e preparate, porteranno sicuramente un contributo importante alla società.
Nel mondo del lavoro, soprattutto scientifico e tecnologico, ancora latitano le presenze femminili.
«Molte studentesse associano ancora questo mondo ai computer, all’idea di montare e smontare processori, a un lavoro sostanzialmente tecnico. Invece no: anche scrivere formule è un’attività creativa perché permette di realizzare tanti progetti diversi. Ai giovani bisognerebbe insegnare quali sono le potenzialità reali della digitalizzazione». Questa è l’opinione che Valeria Naldi, capo del settore tecnico di Solair, ha condiviso durante Nuvola Rosa, un evento organizzato da Microsoft per avvicinare le ragazze alla tecnologia.

Valeria Naldi lavora da anni in questo settore che è appannaggio maschile e lancia un appello nella speranza di vedere più ragazze nel settore hi-tech, anche perché è lì che ci saranno sempre maggiori opportunità di lavoro.
Come già accennato, siamo contrari all’ingresso di quote rosa o azzurre senza verificare che dietro ci sia un vero talento, ma bisogna riconoscere che le donne sono multitasking, ordinate e creative, tutte doti utili nel lavoro.
Molte donne rinunciano a questo tipo di carriera anche per il desiderio di maternità, ma la Naldi, mamma di due ragazzi, chiarisce che famiglia e carriera si possono conciliare. Inoltre sostiene che lavorare in un ambiente stimolante aiuta a mantenersi giovani.

Questa storia è un bel messaggio per tutte coloro che vogliono intraprendere un percorso lavorativo in settori dove la presenza maschile è sempre stata predominante, perché le donne, se vogliono, possono arrivare dappertutto. Infine ci insegna a non avere pregiudizi ed affrontare le cose a mente sgombra.

Notizia tratta da: www.notiziariofinanziario.com

Chiamateci

phone